Cantautore chitarrista, autore e compositore di testi teatrali, ha studiato e approfondito canto e composizione presso l’accademia dello spettacolo di Amburgo ed è stato protagonista nel 2016 e 2017 dei Festival delle Culture di Stoccarda, rappresentando la comunità Italiana. Da Siciliano è stato chiamato a testimoniare la cultura d’inclusione della propria terra presso l’Università di Amburgo in un evento in supporto dei rifugiati. Si è esibito presso il teatro di Offenbach in iniziative promosse da associazioni Italo-tedesche impegnate nella divulgazione della cultura Italiana all’estero. In Italia è stato recensito da diverse testate nazionali e insignito del Premio Lia Pipitone per aver scritto il brano “come vorrei che fossi qui” dedicato alla vittima di mafia. Il suo lavoro discografico “Brucke10” è trasmesso presso numerose emittenti italiane e tedesche ed è stato presentato in Auditorium RAI Sicilia lo scorso anno e nella sede Arci Gay di Milano; perché tratta di argomenti quali il rapporto a distanza e l’emigrazione. Oltre che essere un personale diario di viaggio in Germania. Nel 2018 presenta due EP speculari, “il ragazzo di Capo Gallo” che attraverso il surf tratta l’argomento della crescita e la passione e “Kalos” che scava nell’Eros e nel concetto di bellezza arcaico in chiave moderna.. Nel 2019 è premiato come Tessera Preziosa del Mosaico di Palermo dal sindaco Leoluca Orlando. Attualmente è in produzione il progetto “Manie ed Eroi” tutto centrato sull’epica che è fatta rivivere in chiave moderna, pop. Questo non comprende solo il disco “io mi chiamo Achille” uscito nel 2020, ma anche lo spettacolo “Epica fa rima con Pop”, già messo in scena lo scorso 8 giugno in auditorium rai Sicilia e presentato nelle scuole siciliane. All’interno del progetto anche un lavoro fotografico e multimediale, tutto totalmente autoprodotto che coinvolge giovani tecnici, artisti, attori e musicisti Palermitani e non solo. Incisioni ufficiali EP/LP: I viaggi di Giosuè (2015) – Brucke 10 (2017) – Il ragazzo di Capo Gallo (2018) – Kalos (2018) – Io mi Chiamo Achille (2020).

Video di presentazione

(non presente)

Brano in lingua italiana

 Anche gli eroi piangono


Quanto costa dire basta?
dimmelo e quindi vattene via,
l’amore non si presta

Che nascondi nella testa?
un fottuto mondo scelto da te
ma in fondo a me che resta?

(lacrime) e lacrime siano!
cadranno sull’asfalto
un’estate le asciugherà
(lacrime) e lacrime siano
ne perderò anche il conto
qualcuno mi consolerà

E se gli eroi piangono posso farlo anch' io, lo sai?
quando gli eroi piangono, non li consola dio.

Io non sono come Aiace
una nuova luce mi risvegliò
dal mio sogno senza pace

(lacrime) e lacrime siano!
soltanto un giorno basta
per ritrovare lucidità
(lacrime) e lacrime siano
perché ogni inverno passa
nessuno lo ricorderà…

E se gli eroi piangono
posso farlo anch'io, lo sai?
quando gli eroi piangono,
non li consola dio.

Anche gli eroi piangono
perché come noi sognano
e anche se spesso rischiano
certo non è che vincano

Anche gli eroi bestemmiano
e soli nel mondo viaggiano
leggende inquietanti creano
che ciechi nel tempo cantano

Anche gli eroi piangono
perché come noi amano
e non se ne vergognano
perché sono eroi e ci credono…

Brano nel linguaggio dei territori

 

(non presente)