Nicola Garassino, in arte Garcino ha all'attivo performances e collaborazioni con bands e artisti di generi diversi dal 1987, partecipando ad oltre 500 eventi live, in Italia e all’estero. Ha studiato chitarra elettrica ed acustica e studia canto tuttora. Cantautore emergente, ha pubblicato nel 2016 il cd "Mother earth's blues" con brani che vanno dal funky, al blues, al cantautorato fino al rock sanguigno, ispirati dall'intenzione di trattare argomenti legati all'ecologia, al vivere slow, all'integrazione e perchè no? all'amore. Nel 2018 pubblica il singolo "Come il vento", una ballad indie-pop, dove racconta gli effetti che il tempo può provocare in una storia d'amore. E’ del 2020, (in tempo di Covid-19) che esce con il singolo “Il cibo degli Dei” scritto e interpretato con l’amico Renato Casti, dove si svelano i “segreti” del tartufo (la trifola). Il progetto live nasce contestualmente alla realizzazione del cd "Mother earth's blues", all’inizio del 2016. Con l’uscita del disco (fisico) parte un “tour” di presentazione nella primavera di quell’anno e a fasi alterne dura tuttora. Con una quarantina di appuntamenti all’attivo, Garcino ha tenuto concerti sia con il G.E.T. (Garcino Electric Trio) che in acustico e one man band, viaggiando per il Nord Italia e la Svizzera (Canton Ticino), partecipando anche a trasmissioni in Radio e TV e concorsi.

Video di presentazione

(non presente)

Brano in lingua italiana

 Come il vento

 

ma quanto vola il tempo si ferma mai un momento solo per respirare un po’?
e quel tuo sguardo spento
un muro di cemento che presto si sgretolera’
e guardare in un riflesso
poi rischiare anche me stesso ooooh!
vivo di qua, vivo di la’
vivo con te sempre a meta’
vivo da re, vivo per te
ma non ci resta quello che
vorrei per me, vorrei per te
in un ricordo facile che presto il vento
catturera’ senza timore…
ma se per un momento tornassi a quell’istante a piu’ di dieci anni fa
a quel tuo sguardo intenso
che preso dal momento
illuminava la citta’
scatti impressi nella mente
sono ancora il mio presente ooooh!
vivo un po’ su, vivo un po’ giu’
vivo ma ci parliamo piu’?
vivo con te, vivo per me
ma il tempo brucia esistenze
le nostre vite sfilano via
tra incomprensioni e vanita’
che solo il vento forse potra’
spazzare via…
gtr assolo
vorrei per me, vorrei per te
in un ricordo facile
che presto il vento
catturera’ senza timore…



Brano nel linguaggio dei territori

 It’s a slow food talk!



E la maritìa d’ n coi, cus pensa mac a travaiè
E pi gnente d’ temp a ie per ben mangè, per ben mangè
A iuma sprescia d’ scapè e ie sempre tant da fè parei suceda che
er bucun ed travers ut fa ndè! Ah! Ut fa ndèèè Ah! Ehi, Uh!

It’s time to talk about slow food how It takes you along the road
I want to talk about slow food…cause you aren’t getting what you want
I want to show you how slow food As it makes you feel so bright
We have to tell you about this strain you cant’ heal
It’s what it’s all about

E menu male cu i è chei d’un qu’ us lasa nen ciapè
Et mustra bin cum fè, a fe da mangè, a fe da mangè
Roba buna, pei d’ na vota, e un racumanda de tnì i pè
suta na taula ‘n po’ pi d’ temp a fè disnè! A fè disnèèè Uh! Ah, Ehi, Uh!

So we just want to live with slow food but won’t sorely rush around
Yeah! just wanna live with slow food It’s what it’s all about
And if you wanna live with slow food take it easy while you go
Cause when your living with slow food… You aren’t living on your own
Mangia cun calma – brother take it easy
U iè gnun che thru pia – You’re not in a hurry
Mangia cun calma – stay calm brother
Afante mac nen – come on baby!

GTR SOLO

So make your life become like slow food It will make you feel so bright
Then you will find that all your pressure is healed It’s what it’s all about
Then you will find that all your pressure is healed …..