Silvia Bilotti è nata a Caserta e ha studiato recitazione alla Scuola di Teatro di Bologna. E' attrice di teatro, televisione e cinema, è traduttrice, musicista e cantante. Stefano Iatosti è nato a Roma. E' laureato in filosofia ed è diplomato in didattica della musica, che insegna. Insieme hanno fondato il duo Ancient Wave, che porta avanti un progetto di riscoperta degli stili della musica antica, attraverso la reinterpretazione della tradizionale popolare del Rinascimento europeo con l'uso sincretico di strumenti di varie culture etniche e attraverso la composizione di pezzi originale in stile antico. Attualmente stanno realizzando un progetto discografico ispirato alla musica e ai riti tradizionali del mondo celtico.

Video di presentazione

Brano in lingua italiana

 Federico e il sortilegio


Di perle e di glicini m’ornerò
benedirò chi non m’amò.
L’iperico il cuore ti guarirà
e l’asfodelo ti addolcirà

Mio signore vedrai
tutto ti scorderai
e dentro il mio abbraccio restare vorrai

Né più terra né Dio
Né più guerra né addio
Soltanto l’incanto amore mio.

Mia sposa, ti ho detto: “Io partirò,
coltiva un rosa se morirò.”
Ma un cardo hai nascosto nel talamo
nel cuore una spina mi si conficcò.

No, non ti lascerò
Sul tuo seno vivrò
Se esiste altro al mondo io più non lo so

Né più terra né Dio
Né più guerra né addio
soltanto il tuo incanto amore mio.

Brano nel linguaggio dei territori

 Barcarola del chiaro di luna


‘Ncopp’a sta barchetella
Ca se cunnuleia ‘mmiezz’all’onne
O’sole s’annasconne
‘e lenze d’’a luna a ‘nzertà

P’’e  viche e i vicarielli
d’’o mare ‘o silenzio risponne.
E ‘a notte quant’è bella
l’apprietto m’’o ffa smenticà.

Ma ‘a nonna nonna d’’o mare
me dice: “Nun t’appaurà,
ca primma ca tu te n’addune
lu vierno passarrà

E si ‘ncasa ‘ncasa lu mare
je te cummiglio d’ammore, oi né,
ma chisti chiari de luna
nun m’’e pozzo tene’ pe’ mme.

‘Ngopp a ‘sta barchetella
ca spantecheia ‘nda tempesta
cull’uocchie a zzennariello
‘a luna se mette a pazzià

Pazzea a nasconnariello
e quanno ‘a trunata s’arresta
s’arape ‘na fenesta
e cchiano se ‘ntenne ‘e canta’

‘Nzocola ‘nzocola ‘o mare
porta l’aurora a spunta’,
sciuliano ‘e stelle una a una
‘nda all’aria dell’està

Cantalo, cantalo ‘o mare,
cantalo e adduormele ‘mbracci’a te,
ca chisti chiari de luna
nun ’e voglio tene’ pe’ mme.

Cantame ‘o canto d’o mare,
cantalo e adduormeme ‘mbracci’a tte,
ca chistu chiaro de luna
nun m’’o pozzo tene’ pe’ mme.